SUSHI CORNER

LA NOSTRA STORIA

Caro Sushi Lover, sono Gianluca Peonia, il fondatore di Sushi Corner, permettimi di rubarti un paio di minuti per raccontarti la mia storia.

Sono un imprenditore da oltre 20 anni nel mondo della ristorazione, amo il mio lavoro e, non mi vergogno a dirlo, sono fiero aver sempre lottato per i miei sogni.

“MI CREDEVANO UN PAZZO. AVEVANO RAGIONE” – GIANLUCA PEONIA

LA SOLITUDINE DEI SOGNATORI

Tanti anni fa gestivo una storica pizzeria d’asporto a Cattolica, mi dava molte soddisfazioni, ma io volevo qualcosa di più, volevo qualcosa di nuovo, ero attratto dall’esotico, dalle novità, ma a quei tempi il “nuovo” o il “diverso” era visto con molta diffidenza.

Ero appassionato di cucina giapponese, ma esistevano tanti preconcetti che tenevano la maggior parte delle persone lontane da questo tipo di cucina.

Aggiungiamoci il fatto che a quei tempi i ristoranti di sushi erano una rarità ed estremamente costosi, il gioco era fatto. Un prodotto incredibile snobbato dai più! Ma io lo avevo provato. Lo adoravo. E trovavo assurdo che le persone non riuscissero a capirne le potenzialità. Ero diventato letteralmente ossessionato dal sushi, ne parlavo con tutti, cercavo di convincere i miei amici a provarlo, ma senza nessun risultato, anzi, mi deridevano.

Ricordo ancora il giorno in cui promisi a me stesso che avrei fatto innamorare anche loro del sushi! Sarebbero serviti sei anni, ma ancora non lo sapevo.

Il periodo della sperimentazione

Mi misi al lavoro. Se non era possibile avvicinare i miei amici al sushi, avrei avvicinato il sushi ai miei amici.

Iniziai a studiare giorno e notte dopo tutto ciò che era reperibile sul sushi; prima libri, poi internet, infine un viaggio in Giappone di sei settimane presso una scuola di sushi.

Non era sufficiente.

Non volevo il classico sushi, volevo qualcosa di più. Iniziai un periodo di sperimentazione, provai ogni cosa.

Tentai di aggiungere al sushi ingredienti estranei alla cucina giapponese, cercando di avvicinare quel gusto tipico ai sapori che conosciamo, mantenendo però invariato il concetto del sushi stesso. Impresa difficile, la mia ricerca infatti risultò vana.

Nonostante i complimenti dei pochi amici che assaggiavano i miei esperimenti non ero soddisfatto, io volevo l’eccellenza, qualcosa di unico, qualcosa che nessuno aveva mai fatto prima.

Un segno del destino

Arrivai al punto in cui la mia determinazione iniziò a vacillare. Era ormai trascorso più di un anno dal mio ritorno dal Giappone e che la mia ricerca proseguiva senza alcun tipo di miglioramento. Probabilmente stavo sbagliando qualcosa. Dovevo assolutamente studiare altre culture, forse qualcuno stava già creando ciò che io avevo in mente.

Partii per un viaggio nelle capitali europee, con l’idea di trovare una nuova ispirazione. Parigi, Madrid, Berlino… niente di nuovo, solo il solito, ma buonissimo, sushi.

Peccato non mi bastava più, la mia idea di sushi si era oramai evoluta, e il sushi tradizionale non mi dava più soddisfazione.

Fu a Londra che successe l’inaspettato.

Durante un aperitivo in un piccolo locale in centro, mi venne offerto un assaggio di sushi reinterpretato in chiave fusion: un mix di sapori della tradizione giapponese e di quella brasiliana.

Non era semplicemente riso e pesce crudo, come lo avevo conosciuto fino a quel momento, ma un equilibrio di sapori unico, ricco, saporito, un’esplosione di gusto che legava gli ingredienti tra loro in un’armonia perfetta, risaltando ogni singolo ingrediente.

Era esattamente ciò che stavo cercando da anni. Simile al gusto popolare ma con qualcosa di unico.

Le salse, i condimenti e la frittura rendevano questo sushi qualcosa di unico, di indimenticabile. Lo considerai un segno del destino, l’unico giorno di quel viaggio in cui non stavo cercando il sushi, fu il sushi a trovare me!

SUSHI CORNER: l'incontro perfetto

Finalmente avevo trovato quello che cercavo, un sushi fusion: accessibile a tutti, sapori vicini alla nostra grande arte culinaria di altissima qualità. Io e Nelson eravamo l’uno più pignolo dell’altro sul tema che unisce l’eccellenza della cucina giapponese all’eccellenza della cucina brasiliana dal prezzo accessibile.

Grazie ad un’ottima organizzazione aziendale, con la formula take away siamo riusciti a limitare i costi di gestione del ristorante e concentrare quelle risorse economiche per garantire materie prime superiori, qualità e freschezza.

Non persi tempo e sull’onda dell’entusiasmo più genuino, nel 2012, in meno di un anno dall’incontro con Nelson, aprii un Sushi Corner a Cattolica.

Quelle sere d’estate, prima a Londra poi in Romagna, furono la svolta... quell’assaggio di due mondi che si mischiano, quella fusione di sapori, seguito dall’incontro con Nelson diedero inizio ad una catena di eventi che mi hanno cambiato la vita e permesso la nascita di Sushi Corner.

Non hai ancora provato il nostro FUSION?

Sono sicuro di una cosa: dopo aver provato il nostro sushi non tornerai più indietro!

Per questo ho creato un’offerta per tutti i nuovi clienti, un buono sconto di 5€ sul tuo primo ordine fatto tramite la nostra app (o dal nostro sito).
"Gianluca Peonia"

I NOSTRI CLIENTI

"COSA DICONO DI NOI"

© Copyright 2020 Sushi Corner